Pier Andrea Mandò: Le applicazioni della fisica nucleare ai beni culturali

Fra le ricadute applicative della Fisica Nucleare ce ne sono anche alcune – non sempre note al grande pubblico – che riguardano i Beni Culturali. Strumentazioni e tecnologie sviluppate nell’ambito della Fisica Nucleare per scoprire proprietà di nuclei e particelle elementari (acceleratori, rivelatori, etc.) si possono utilizzare per determinare la composizione dei materiali impiegati in un’opera d’arte, o per datare reperti archeologici o storico-artistici (magari scoprendo dei falsi!), aiutando gli storici dell’arte e gli archeologi a ricostruire e interpretare la storia del passato, e i restauratori a intervenire con cognizione di causa sulle opere che richiedono interventi conservativi. Conferenza di Mandò del Dip. Fisica e Astronomia, Università di Firenze

35

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *